Scopri i formati e le varietà disponibili

FORMATI

6 piante in pack

Disponibile da fine gennaio a inizio ottobre
H115

1 pianta in vaso 10

Disponibile da fine gennaio a inizio ottobre
H596

1 pianta in vaso 14

Disponibile da metà febbraio a inizio ottobre
HA32

VARIETÀ

Titan

Prezzemolo a portamento compatto, dall’aroma delicato, coltivabile tutto l’anno. Effettuare tagli frequenti, lasciando intatte le giovani foglie centrali, per avere più raccolti, di alta qualità. La concimazione, dopo ogni taglio, stimola il ricaccio. In estate irrigare frequentemente, con quantità moderate, senza ristagni. Gradisce terreni molto drenati. Trapiantare piantine ogni 3 mesi, per avere il prezzemolo sempre fresco.

Disponibilità
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

I consigli di coltivazione


ESPOSIZIONE

Il prezzemolo ama esposizione dal pieno sole, alla mezz’ombra. Nelle ore più calde del giorno, in estate, gradisce l’ombra.


TEMPERATURA

Il prezzemolo cresce al meglio tra i 15-22°, ma non subisce stress fino a 7°. È una pianta in grado di tollerare le gelate, fino a -5°, ma quando le temperature sono tra 5-0° è consigliabile proteggerle con TNT bianco. Resiste oltre i 35° in estate, ma con il gran caldo gradisce l’ombra a pomeriggio.


TERRENO

Il prezzemolo si adatta a tutti i tipi di terreno ma preferisce quelli sabbiosi, fertili, freschi e molto ricchi di sostanza organica, ben drenati. Gradisce pH preferibilmente tra 6-7. È consigliabile attendere 3 anni prima di trapiantare prezzemolo dove sono state coltivate altre ombrellifere in precedenza.


TRAPIANTO

Distanze: il sesto consigliato per il prezzemolo è di 5 cm sulle file e 15-30 cm tra le file.


Epoca: la messa a dimora va da febbraio a ottobre. Nelle aree continentali si può trapiantare da febbraio (protetto con tnt) e da aprile a settembre in campo aperto senza protezioni.


CONCIMAZIONE

Il prezzemolo si avvantaggia di una concimazione organica di fondo ricca. Nel corso della coltivazione si interviene mensilmente dopo ogni taglio con borlanda, pollina, stalllfertilizzanti NPK (es. N:P:K 2:1:2).


IRRIGAZIONE

Il prezzemolo richiede irrigazioni frequenti nelle prime settimane dopo il trapianto, con quantità modeste che permettano al suolo di essere sempre umido, ma senza ristagni. Le annaffiature sono limitate nei periodi freschi. Dopo l’attecchimento si irrigherà avendo cura di lasciare asciugare il terreno prima di un nuovo intervento. Evitare sia la carenza idrica che i ristagni di acqua, che provocano marciumi radicali.


CURE COLTURALI

Sarchiatura: la sarchiatura periodica tra le file è un intervento fondamentale da effettuare con lo zappetto ogni 15 giorni, per mantenere il terreno soffice e libero dalle malerbe. Questa operazione va ripetuta dopo ogni sfalcio. È opportuno ripetere la sarchiatura anche dopo precipitazioni che compattano il terreno.


Protezione dal freddo: nei trapianti molto precoci e anche in fase di raccolta prima delle gelate, il prezzemolo si giova di una protezione con tnt o nylon. Nelle stagioni intermedie in caso di periodi freschi con temperature attorno ai 5-10° la copertura con TNT permette di ridurre lo stress termico e raccogliere nuovi sfalci con maggiore frequenza.


Raccolta: il prezzemolo è in grado di dare fino a 4-5 raccolti dalle stesse piantine. Si può tagliare a 20- 40 giorni dal trapianto a seconda del periodo e della temperatura. Nel primo raccolto si tagliano solo le foglie più esterne, lasciando quelle centrali, poi quando la pianta si è irrobustita, i gambi vanno recisi completamente a pochi centimetri dal terreno.

Specie in evidenza