Scopri i formati e le varietà disponibili

FORMATI

1 pianta in vaso 10

Disponibile da metà marzo a metà luglio
H620

VARIETÀ

Red Rubin

Basilico molto decorativo dalle grandi foglie viola, con pianta vigorosa che può superare i 40 cm di altezza. Si coltiva come il basilico classico e si utilizza allo stesso modo in cucina, perchÈ ha un aroma molto simile. Il bellissimo colore lo rende perfetto per aromatizzare i piatti, decorandoli con un “tocco” originale. Si può coltivare sia in vaso che in giardino. Concimare ogni 2 settimane con fertilizzante bio liquido o granulare, per un buon vigore delle piante.

Disponibilità
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

I consigli di coltivazione


ESPOSIZIONE

Il basilico ama l’esposizione in pieno sole, ma quando le temperature superano i 26° gradisce la mezz’ombra. Maggiore è la luce a disposizione delle piante e più intenso sarà l’aroma.


TEMPERATURA

Il basilico predilige temperature tra i 20-25° ed è sensibile al freddo. Si può spostare all’esterno quando le temperature non scendono sotto i 10°. Nei periodi più freschi si può coltivare in casa. Quando è trapiantato in campo conviene proteggerlo con nylon se sono previsti ritorni di freddo.


TERRENO

Il basilico gradisce terreno fertile, fresco e ricco di sostanza organica, ben drenato. Gradisce pH preferibilmente tra 5,5-6,5 ma cresce bene anche attorno a pH 7. È consigliabile attendere 2 anni prima di trapiantare il basilico nell’aiuola dove lo si è coltivato in precedenza.


TRAPIANTO

Distanze: il sesto consigliato è di 20-25 cm sulle file e 25-35 cm tra le file. Il basilico Glaciale si trapianta a 35-40 cm per 40-50 cm.


Epoca: la messa a dimora del basilico in campo aperto va da fine aprile (protetto con nylon) a luglio.


CONCIMAZIONE

Il basilico si avvantaggia notevolmente di una concimazione organica di fondo molto ricca, con stallatico (oppure pollina o compost). Per una generosa produzione di foglie, nel corso della coltivazione gradisce una fertilizzazione mensile con prodotti bio a pronto effetto (borlanda, pollina ecc.) oppure con stallatico macerato.


IRRIGAZIONE

Il basilico richiede irrigazioni frequenti ma con quantità ridotte di acqua. È importantissimo annaffiare senza bagnare la vegetazione per non favorire gli attacchi di peronospora.


CURE COLTURALI

Cimatura: a partire da 20-30 giorni dopo il trapianto, il basilico deve essere potato continuamente, ogni 7-10 giorni, per prevenire la fioritura e stimolare un’abbondante produzione di foglie. Si taglia con le forbici la parte finale di ogni rametto, con 2-3 coppie di foglie. Questa operazione deve essere eseguita prima che si formino i boccioli fiorali ed è una vera e propria raccolta per utilizzare le foglie in cucina.


Riparo dalla pioggia: il basilico è molto sensibile alla pioggia perché favorisce il diffondersi della peronospora, quindi nei periodi piovosi è consigliabile proteggerlo con un nylon oppure spostarlo in una zona riparata se coltivato in vaso in terrazzo.


Raccolta: il momento ideale per la raccolta del basilico, per preservarne al meglio l’aroma sono le ore fresche del mattino.