Coltivare i peperoncini piccanti

Il peperoncino piccante, come tutti i peperoni, appartiene alla famiglia delle Solanacee. Comprende 85 generi e almeno 2.200 specie. Uno degli 85 generi è il capsicum al quale appartiene il peperoncino rosso piccante. Il nome latino capsicum deriva da capsa "scatola" per la particolare forma del frutto che ricorda proprio una scatola con dentro i semi; oppure dal greco kapto che significa mordere, con evidente riferimento al piccante che '.morde" la lingua quando si mangia. Nel genere del capsicum la specie più importante è il capsicum annuum al quale appartengono tutti i peperoncini che conosciamo. La varietà diffusa in Italia è solo il capsicum annuum; le altre si coltivano soprattutto in America Meridionale e in Messico. Il capsicum annuum raggruppa le varietà più diffuse: il capsicum abbreviatum, l'acuminatum, il fascicula-tum, il cerasiferum, il bicolor e il christmas candle.

Il CAPSICUM ABBREVIATUM ha frutti piccoli e conici che non superano i cinque centimetri.

L'ACUMINATUM produce bacche sottili a cono allungato leggermente ricurve.

I frutti del FASCICULATUM sono diritti e sottili molto piccanti.

Quelli del CERASIFERUM sono piccoli e rotondi come le ciliege dalle quali prendono il nome. Il bicolor ha frutti bicolori, violetti e rossi molto piccoli.

Infine il CHRISTMAS CANDLE fa riferimento alla festività di Natale perché la pianta, utilizzata come ornamento, mantiene i suoi frutti fino a Dicembre inoltrato.

Queste varietà sono le più diffuse da noi. In genere i peperoncini più piccoli sono i più piccanti. Per provare il grado di piccantezza (grado Scoville) spezzate circa a metà la bacca ed mordetene una piccola parte. Da questo si può dedurre che la capsicina presente nelle bacche è indirettamente proporzionale alla grandezza dei frutti. Si coltiva con estrema facilità negli orti e nei giardini come bordura, ma anche nei vasi per uso ornamentale. Tutte le varietà che coltiviamo sono sia alimentari che ornamentali.

Come misurare la piccantezza: il metodo di Scoville si basa sulla diluizione in acqua di un estratto del peperoncino in esame. gradi, che vanno da o a i.000.000 il massimo di piccantezza, indicano il rapporto di diluizione del gusto recepito di piccantezza della bacca.

Peperoncini piccanti